Galleria Allegra Ravizza
è lieta di invitarvi all'inaugurazione del NUOVO SPAZIO 
in PIAZZA CIOCCARO 7, LUGANO

 nuova galleria con scritta

 

Con il definitivo sviluppo del nuovo progetto della Galleria Allegra Ravizza dal titolo “Archivi Tematici del XX secolo” e la futura inaugurazione di una piccola Casa editrice interna è nata l’esigenza di uno spazio più grande, la Galleria ha inaugurato martedì 30 giugno il nuovo spazio in Piazza Cioccaro 7 a Lugano proponendo una selezione di lavori dei maggiori artisti della Galleria, da Alberto Biasi a Christian Megert, da Nanda Vigo a Günter Weseler, da Bruno Contenotte al collettivo The Bounty Killart oltre ai nuovi progetti.

Situato al primo piano e affacciato sulla storica piazza luganese proprio sopra la funicolare, lo spazio gode di una splendida luce naturale grazie alle grandi vetrate che non solo mettono in risalto le opere esaltandone i colori, ma permettono anche un gioco di riflessi e riverberi che artisti come Nanda Vigo e Christian Megert ricercarono nei loro lavori. 

Dalle pareti totalmente bianche e la pavimentazione marmorea, lo spazio permette alle opere esposte di catturare completamente lo sguardo dello spettatore rendendole le sole e vere protagoniste. Nella prima sala, le opere dinamiche di Alberto Biasi si alternano ai lavori in legno e specchio di Christian Megert che riflettono i colori circostanti in un gioco di rimandi, in sottofondo suona il disco di gesso dei The Bounty Killart. Nella sala successiva il vetro, la luce e il movimento sono gli elementi protagonisti grazie alle opere di Nanda VigoChristian Megert e Gianni Colombo. Proseguendo nel corridoio e nella sala seguente si incontrano gli Atemobject (oggetti respiranti) di Günter Weseler insieme alle tele dai forti colori fluorescenti di Bruno Contenotte. In fondo al corridoio, poco prima di accedere all’ultima sala, lo spettatore è travolto dalla musica dell’opera di John Cage, “Mozart Mix”, che riproduce contemporaneamente e in maniera casuale cinque brani del grande compositore austriaco Wolfgang Amadeus Mozart riuscendo a generare un’armonia di suoni imperdibile.  

Dopo aver visitato le prime grandi sale espositive che ospiteranno le mostre temporanee della Galleria, si accede all’ultima sala in cui è presentato il progetto “Archivi Tematici del XX secolo”, che sarà esposto in permanenza e che racchiude l’Archivio della Musica Futurista, incentrato principalmente su quattro compositori di musica futurista: Francesco Balilla Pratella, Luigi Russolo, Franco Casavola e Silvio Mix, di cui sono raccolti ed esposti gli spartiti originali, i manifesti, gli scritti autografi, i libri e i pensieri, insieme alla raccolta della loro produzione musicale. Sulle pareti circostanti, racchiusi in piccole casseforti illuminate, sono esposti al pubblico gli Archivi Sincroni, raccolte tematiche che analizzano una specifica opera musicale o una particolare e fondamentale tappa storica su argomenti del XX secolo.

Frutto di una lunghissima ricerca e in continua espansione, gli Archivi Tematici del XX secolo possono essere consultati e fruiti anche grazie alle riviste introduttive proposte e pubblicate dalla Galleria. Una piccola stanza dello spazio è stata infatti adibita a Casa editrice: “Archivi Tematici del XX secolo Editori”.   

 

Galleria Allegra Ravizza sala 1                          Galleria Allegra Ravizza Archivi Tematici del XX Secolo